Junker & Ruh

Questa vetrina è dedicata a una macchina da cucire che ha fatto la storia. Acquistata qualche tempo fa da un amico, ora fa bella mostra di se, attorniata dalle splendide montature Vascellari in vetrina.

 

Un po’ di storia del marchio:

Fondata nel 1870

“Devo lavorare finché è giorno” era il motto del giovane operaio Karl Junker , che venne alla fabbrica di macchine da cucire Haid & Neu a Karlsruhe nel 1862. Già nel 1868 si stabilì come maestro artigiano indipendente e operò ” come specialità la produzione di macchine da cucire “. Il suo laboratorio era nel seminterrato dei suoi genitori-in-law casa di su Sophien-Strasse . Ma presto ci fu un altro concorrente, August Ruh , che gestiva un’attività di ricamo e vendeva anche macchine da cucire American Singer. In una fiera sulla Schlossplatz di Karlsruhe, Karl Junker e August Ruh si incontrarono, si fusero e fondarono la società il 1 ° febbraio 1870Junker e Ruh . Era l’inizio di una storia aziendale di successo. Karl Junker ha assunto la direzione tecnica, August Ruh la gestione commerciale dell’azienda.

In 1870 , 100 macchine da cucire con il nome di Junker avevano lasciato il piccolo impianto di produzione in un edificio residenziale Sophien-Strasse .

Nel mese di maggio 1872 , 2.000 macchine da cucire prodotte. Dopo la guerra contro la Francia (1870-71), durante il boom economico, i coraggiosi giovani imprenditori avevano acquisito un terreno di 9.200 m² nel Gewann Sommerstrich a ovest della Maxaubahn ea sud della Sophienstraße.

Entro settembre 1873 5.000 macchine da cucire prodotte.

Entro aprile 1876 25.000 macchine da cucire prodotte.

Entro luglio 1877 50.000 macchine da cucire prodotte.

Nel 1879 l’ ordine ha avviato un suggerimento dagli Stati Uniti una nuova sezione della storia dell’azienda. Karl Junker è stato informato del continuo incendio da suo fratello emigrato negli Stati Uniti. Il risultato fu lo sviluppo del “forno di riempimento a circolazione Junker & Ruh”, un forno a fuoco continuo migliorato, la cui produzione raggiunse i 65.000 nel 1895. I clienti furono trovati in tutto il mondo. Dal 1 giugno 1879 al 31 luglio 1879 apertura di una filiale a Firenze.

Entro giugno 1880 100.000 macchine da cucire prodotte.

Nel 1881 l’azienda vendette circa 140.000 macchine da cucire. Sono state prodotte 30.000 macchine da cucire all’anno. La macchina per cucire a mano Original Rhenania , la macchina della famiglia Original Fidelitas , la macchina per cucire pesante Original Badenia e la macchina per cucire Grover & Baker per il commercio.

Nel 1890 furono vendute circa 385.000 macchine da cucire. Sono state prodotte 28.000 macchine da cucire all’anno. L’azienda impiega quindi 500 lavoratori.

Alla fine del diciannovesimo secolo, in Germania il gas veniva utilizzato solo per l’illuminazione domestica. Cucinare a gas era considerato un lusso. Lo sviluppo del “brevetto doppio bruciatore” di Junker & Ruh ha portato una rivoluzione nelle cucine tedesche. Il calore della fiamma del gas potrebbe ora essere trasferito direttamente nella casseruola e cotto con parsimonia con il gas. Il fornello a gas del 1893 divenne il “fornello a gas Junker & Ruh” dopo il corrispondente sviluppo tecnico.

Nel 1895 , 500.000 macchine da cucire prodotte e la celebrazione del 25 ° anniversario della società. Con l’avviamento della propria fonderia, l’azienda si è resa indipendente dalla fornitura di getti dalla Francia ed è stata in grado di rifornire anche altre fabbriche tedesche di macchine da cucire. Il successo dell’espansione della produzione combinata con la costruzione di ulteriori stabilimenti ha portato a un costante aumento della forza lavoro , il cui numero è salito a circa 600 .

Nel 1896 , è stato costruito un impianto di smaltatura per stufe e fornelli a gas e l’edificio anteriore lungo Sophien-Strasse .

Nel 1898 muore il co-fondatore dell’azienda, August Ruh . Un altro nuovo edificio è stato costruito in Lessingstraße.

Dal 1904 iniziò la produzione della cucina a gas familiare, sulla quale si potevano preparare tutti i piatti che prima venivano realizzati solo con l’aiuto della cucina a carbone. I dati di produzione hanno continuato ad aumentare, ma a causa delle condizioni di spazio non è stato più possibile l’ampliamento dello stabilimento in Sophienstraße.

Nel 1910 fu registrato presso il tribunale commerciale che l’assessore al commercio Karl Junker sen. ha lasciato l’azienda Junker & Ruh a Karlsruhe.

La società in nome collettivo si è trasformata in una società in accomandita semplice, con la quale l’ingegner Hermann Guhl, l’ingegner Karl Junker jun. e il commerciante Paul Ruh a Karlsruhe come soci responsabili personali e due soci accomandanti. Le procedure collettive concesse agli editori Lang, Iwan Matheis e Wilhelm Voelkel rimangono invariate.

Nel frattempo i figli e i generi dei fondatori dell’azienda, responsabili dell’azienda, acquisirono un sito di 46.000 m² a Bannwaldallee dalla Society for Electrical Industry AG, che fu significativamente coinvolta nella costruzione della prima centrale elettrica di Karlsruhe a Rheinhafen nel 1899 / 1900. Qui è stato costruito un moderno impianto con una propria fonderia e un centro energetico, il cui camino alto 63 m sarebbe diventato il simbolo di Junker & Ruh e della città industriale di Karlsruhe. I forni per la smaltatura e le macchine utensili si trovavano ora in ampi padiglioni e luminosi laboratori, secondo la commemorazione dell’azienda del 1953. Oggi sappiamo quanto fossero ostili i capannoni di quel tempo.

Nel 1911 l’ingegnere Karl Junker jr , socio della società Junker & Ruh, morì la notte del 16 gennaio dopo una lunga e grave malattia. L’azienda ha trasferito la sua fabbrica e circa 700 lavoratori da Sofienstraße 61/65 a Siemensstraße 1 nella proprietà dell’ex società Elektra, che la società ha acquistato. Siemensstraße è stata ribattezzata Junker-und-Ruh-Strasse nel 1951. Dalla fusione all’assemblaggio finale, tutto è stato prodotto nella propria fabbrica. Ulteriori sviluppi tecnici hanno portato alla produzione di apparecchi di cottura su larga scala e di apparecchi speciali come forni da forno e per arrosti, griglie, caldaie, credenze e armadi riscaldati. La vecchia fabbrica è stata demolita tranne che per la costruzione in Sophienstrasse.

Nel frattempo sono state vendute un milione di macchine da cucire.

Nel 1914 muore il direttore commerciale dell’azienda, Paul Ruh . Suo fratello, il dottor Ferdinand Ruh , ora prende il suo posto.

Lo scoppio della prima guerra mondiale aveva colto impreparato l’economia di Karlsruhe. La situazione si è attenuata solo quando, a causa della guerra, durata più a lungo del previsto, l’economia è passata all’economia di guerra e le donne sono state sempre più impiegate in professioni prettamente maschili. Junker & Ruh ha beneficiato in piccola parte della produzione bellica.

Nel 1916 muore il co-fondatore dell’azienda, Karl Junker .

Dal 1 gennaio al 31 maggio 1917 , Junker & Ruh consegnò merci (la maggior parte delle quali erano armi) all’esercito tedesco per un importo di 829.000 marchi.

Con la perdita dell’Alsazia-Lorena dopo la prima guerra mondiale, andò perduta anche un’area di vendita precedentemente ampia, soprattutto per le macchine da cucire. L’occupazione dell’area della Ruhr da parte di Francia e Germania all’inizio del 1923 era in arretrato con i pagamenti di riparazione imposti dal Trattato di Versailles e la situazione economica si deteriorò ulteriormente.

Le presse per banconote funzionavano giorno e notte. Il midollo precedentemente debole affondò rapidamente nell’abisso.

Il tempo dell’inflazione non terminò fino all’introduzione del Rentenmark il 15 novembre 1923 . Tuttavia, z. B. Haid & Neu interruppe temporaneamente la produzione nell’estate del 1924, 1.800 uomini e 550 donne rimasero disoccupati. Alla Junker & Ruh la situazione non era così drammatica

Nell’ottobre 1926 , l’ufficio del lavoro riferì che le più grandi società di Karlsruhe, che includevano anche Junker & Ruh, avrebbero assunto nuovo personale a causa della buona situazione degli ordini. La forza lavoro dell’azienda, che nel frattempo era stata trasformata in una società per azioni, era cresciuta fino a 1.500 dipendenti. Da anni l’attenzione si è concentrata sui dispositivi di cottura e riscaldamento.

Nel 1928 vengono prodotte circa 1.500.000 macchine da cucire.

Nel 1930, sulla scia della Grande Depressione del 1929, che fece salire la disoccupazione a Karlsruhe a un livello record, Junker & Ruh abbandonò la produzione di macchine da cucire e si limitò alla produzione di una speciale macchina per la riparazione di scarpe e includendo stufe elettriche programma di produzione.

L’azienda era ora in forte espansione con grandi uffici di vendita ad Amburgo, Colonia, Berlino, Monaco, Vienna, Wroclaw, Parigi e Rotterdam. L’azienda globale Junker & Ruh produceva anche negli stabilimenti di San Paolo, Milano e Torino, nonché nello “stabilimento gemello” di Graudenz sulla Vistola.

Lo scoppio della seconda guerra mondiale, che, a differenza del 1914 durante la prima guerra mondiale, non provocò una tempesta di entusiasmo a Karlsruhe, cambiò bruscamente la situazione del mercato del lavoro. C’era una carenza di lavoratori a causa della redazione per il servizio militare, che mise nei guai le imprese vitali e quelle con compiti legati alla guerra.

Alla fine del 1939 Junker & Ruh ricevette numerosi ordini per la fornitura di cucine industriali alla Marina Militare e all’inizio del 1941 un ordine per 3.600 forni per rifugi antiaerei e caserme. Come nella prima guerra mondiale, le armi dovevano essere fabbricate di nuovo. Ciò richiedeva un elevato fabbisogno di lavoratori. In considerazione della sempre crescente carenza di personale, le “aziende del fabbisogno” sono state costrette a presentare ampie richieste di assegnazione di “lavoratori civili stranieri”.

Il 30 giugno 1944 Junker & Ruh a Karlsruhe impiegava 1.729 persone, di cui 47 prigionieri di guerra e 330 lavoratori forzati.

Gli attacchi aerei alleati nel settembre 1942 , settembre e dicembre 1944 distrussero più della metà dell’impianto. Ciò che era rimasto fu inviato in Turingia per un presunto salvataggio, dove cadde nelle mani dell’Unione Sovietica. Le strutture della fabbrica ancora disponibili a Karlsruhe servivano le truppe di occupazione francesi come officine per la riparazione di carri armati o venivano trasportate in Francia. Le fabbriche estere sono andate perse così come gli uffici commerciali europei.

Nel 1945 a Karlsruhe erano rimasti solo 30 lavoratori. La ricostruzione degli impianti produttivi durò fino al 1953 e impose all’azienda un pesante fardello. Con prodotti innovativi come il fornello a gas completamente protetto, che ha portato sicurezza in cucina, la cappa aspirante per la cucina, il fornello elettrico e le attrezzature per cucine commerciali, sono state conquistate nuove quote di mercato e aperte con una gamma popolare di piccoli elettrodomestici come come. B. la stufa “Pustefix” e un macinacaffè con chiusura automatica del coperchio mercati completamente nuovi. Tuttavia, Junker & Ruh entrò in difficoltà finanziarie nel 1954. “Licenziamenti collettivi alla Junker & Ruh” era il titolo della “Badische Allgemeine Zeitung” del 2 ottobre 1954, 400 lavoratori hanno ricevuto i loro licenziamenti con la borsa del salario. Le cause erano una pressione sui prezzi precedentemente sconosciuta a causa della crescente concorrenza e di un errore di valutazione imprenditoriale. Il business del gas propano si è spostato in modo particolarmente marcato durante la stagione estiva. Le condizioni meteorologiche estremamente sfavorevoli hanno fatto sì che le vendite di questi dispositivi siano state ben al di sotto delle aspettative.

Non è stato fino al 1959 che l’azienda è stata in grado di realizzare nuovamente i profitti.

Nel 1961 , la società divenne una GmbH con un capitale di quattro milioni, che fu aumentato a 14 milioni nel 1964 e detenuto da una banca di Francoforte e da una società di Monaco. L’ulteriore destino dell’azienda Junker & Ruh è un esempio particolarmente lampante del cambiamento strutturale dell’economia iniziato negli anni ’60. Le piccole imprese sono state vittime della pressione della concorrenza e le grandi imprese sono state oggetto di un processo di concentrazione.

Già nel 1965 la Brettener Neff-Werke, un concorrente diretto, rilevò la Junker & Ruh, ancora a basso profitto, con circa 1.600 dipendenti. Poco dopo ci furono scioperi violenti a causa dei cambiamenti dei tempi degli accordi in fonderia, l’azienda stava per chiudere.

Poiché il nuovo proprietario di Karlsruhe non voleva investire in metodi di produzione nuovi e più redditizi, la produzione dovette essere definitivamente interrotta nel 1968 nella prima fase di recessione dell’economia tedesca del dopoguerra. “Morte nella valle” era il titolo di un giornale. Tuttavia, anche la società Neff, che aveva assunto responsabilità molto elevate da Junker & Ruh, si trovò in difficoltà e alla fine del 1968 dovette accettare la società AEG come azionista di maggioranza per salvarsi.

Un enorme complesso di capannoni, lungo 320 m, largo 120 m, è rimasto dell’ex motore dell’industria di Karlsruhe, che è stato ridotto in macerie nel 1975 . Dopo diversi anni di sforzi per vendere il sito, che comprendeva anche la città di Karlsruhe, Metro Cash & Carry, uno dei primi mercati di Karlsruhe, dove solo commercianti di diverso tipo possono acquistare merci per le loro esigenze di business, Deutsche Telekom e Michelin. A Karlsruhe, il nome Junker-und-Ruh-Straße e Junker-und-Ruh-Brücke è l’unico promemoria dell’azienda un tempo così orgogliosa, che al suo apice contava fino a 3.000 persone.

 

 

Buona Pasqua con la lettura

La Santa Pasqua si sta avvicinando e, come ogni anno, dedichiamo la nostra vetrina in questo periodo proprio alla Pasqua.

Questa volta però vuole essere una Pasqua un po’ più “riflessiva”, dedicata alla lettura e anche, perchè no, alla buona compagnia, magari con cui discutere e potersi confrontare sulle letture appena terminate.

Questa vetrina nello specifico presenta 4 opere letterarie ad opera di artisti locali (uno dei quali Roberto Vascellari).

La prima opera “Il Giappone sul naso” è una ricerca a tutto campo che svela agli amanti della storia, ai collezionisti di occhiali e ai semplici curiosi il progresso di un oggetto creato innanzitutto per la protezione oculare attorno al 1000 A.C. che, reinventato poi in occidente,  assunse forme e peculiarità specifiche nell’arcipelago giapponese.

Una guida completa che approfondisce ogni singolo aspetto della storia di questo oggetto rimasto per molto tempo misterioso nella sua evoluzione in Giappone.

Le altre tre opere portano tutte le stessa firma, Riccardo Canciani, autore Veneto che, fatto tesoro delle esperienze di vita fatte in 80 anni, ha deciso di divulgare il proprio pensiero filosofico.

“Un uomo di nome Mauro”  racconta il percorso intimo di un uomo qualsiasi che seppe fare tesoro delle comuni esperienze per individuare il suo scopo nella vita e perseguirlo in modo coerente e tenace.

“Io sono Daniele” racconta la storia di Daniele che, da poco superata l’età della pensione, fa un esame della propria vita e la racconta focalizzandosi su alcuni aspetti e fatti che lo hanno segnato e gli hanno insegnato. Ora, a 67 anni si ritira in un casolare di montagna dove trascorre le proprie giornate  a stretto contatto con la natura, immerso in un mondo di suoni e colori nuovi.

“Il Grande viaggio” è il viaggio della conoscenza attraverso l’analisi degli avvenimenti che hanno portato all’evoluzione dell’uomo, fino ad un livello di conoscenza superiore. Tutte le opere sono disponibili su Amazon, sia in formato cartaceo che in formato digitale per Kindle.

Tutti questi testi sono perlopiù circondati da montature specifiche per occhiali da lettura, o “mezze-lune” come li conosciamo più comunemente. Semplici, economici e coloratissimi, questi occhiali prodotti con la solita qualità dei prodotti della collezione “Vascellari OPV” conferiscono un tocco di simpatia a una situazione (la presbiopia) che da molti è vissuta come un problema.  La gente non invecchia, acquista saggezza.

Vascellari1946

Entrando nel mondo dell’ottica nel 1946 come dipendente della storica ditta SAFILO, Urbano Vascellari dopo un percorso di approfondimento presso i negozi dei fratelli, arriverà a Venezia nel 1957  e aprirà nel 1964 nei pressi del ponte di Rialto l’attuale attività prendendo il nome de “L’ottico di Rialto”.

A 75 anni da quel 1946, abbiamo voluto celebrare questo traguardo con una collezione dedicata, riconoscibile dal logo del ponte di Rialto inciso e colorato in oro all’interno dell’asta mentre all’esterno è leggibile il Vascellari1946.

Una serie di montature realizzate in Cadore che fondono tecnologia e artigianato, caratterizzate da forme importanti, usando esclusivamente acetati di cellulosa con spessori dai 6 agli 8 mm, aste auricolari e tempiali ed una lucidatura ottenuta completamente a mano, esattamente come si faceva negli anni ’40 del 1900.

Qui è visibile un documento originale dell’epoca con la richiesta urgente di ruote in tela per la lucidatura.

       

 

La maestosità del ponte di Rialto è celebrata in questa vetrina da un’opera realizzata totalmente in acciaio dal nostro cliente e amico Kyvin Sant  

Contribuiscono all’esposizione altri due oggetti sapientemente realizzati dallo stesso “Maestro” come un ferro da gondola impigliato tra i coralli e un’ombrello che rappresenta la bandiera del proprio paese d’origine “Malta”.

Venezia è sempre stata resa celebre da abili artigiani “foresti” che amandola le hanno dedicato la vita e le loro opere migliori!

 

 

Il Dottore della Peste

 

La vetrina di questo mese, in cui fa bella mostra di sè la maschera del Dottore della Peste, è una sorta di riflessione sul fatto che al momento questo periodo “nero” non ci ha ancora abbandonato. Ma come il Dottore della Peste “curava” o visitava gli appestati e gli ammalati, speriamo che questa maschera nella nostra vetrina sia di buon auspicio per una prossima ripresa.

Ringraziamo Kyvin Sant Metal Artist per le meravigliose opere che ci ha donato come il ferro da gondola, il nostro nome e la collana con la rosa.

https://www.instagram.com/kyvin_sant/

 

 

 

 

Natale 2021

Buone festività 2021!

La vetrina di quest’anno è dedicata alla natività e all’uscita del nostro ultimo libro sulla storia dell’occhiale in Giappone.

“Il Giappone sul naso. Continua a leggere

Combattiamo la Miopia con le nuove lenti da occhiali Stellest

Giocare, lavorare, leggere, scoprire il mondo… Lo sapevi che la maggior parte dell’apprendimento avviene tramite la vista? Più un bambino sviluppa la miopia in giovane età, più velocemente la miopia stessa progredisce.
Diagnosticare in tempo la miopia, permette di preservare la vista e la salute visiva del tuo bambino. Puoi provare le lenti Stellest™, un nuovo rimedio visivo di Essilor® per gestire la miopia dei bambini.

La lente è composta da una serie di microlenti invisibili che creano un segnale davanti alla retina per guidare la crescita oculare e rallentare la progressione della miopia.
Grazie alla tecnologia H.A.L.T., le lenti Stellest™ rallentano la progressione della miopia.

Con questo spirito e per supportare Stellest™ è nato MyExpert Master Fit: un percorso di formazione dedicato ai Professionisti della Visione con l’obiettivo di elevare gli standard di professionalità e diventare esperti in correzione, cercando quindi di prevenire l’aumento dell’incidenza della miopia elevata.

 

 

 

Ecco il tanto agognato “Attestato dell’Università degli studi di Milano BICOCCA”, un percorso formativo impegnativo ma ora, insieme alla classe medica e ai genitori dei nostri piccoli clienti, abbiamo un’arma efficace per combattere la progressione miopica. Vieni in negozio per scoprire la nuova tecnologia H.A.L.T. delle lenti Stellest™, ti aspettiamo!

 

 

 

Ripartiamo

In occasione del 75° anniversario dell’entrata della nostra famiglia nel mondo dell’ottica, possiamo anche celebrare, con questa nuova vetrina, il nostro ripartire con le montature di nostra produzione. Abbiamo sempre voluto realizzare un prodotto artigianale, di elevatissima qualità, ed ecco che dopo vari tentativi, ora possiamo dire che ci siamo riusciti di nuovo. Cominciamo con alcuni modelli esposti in questa vetrina, ma vi promettiamo che molti altri, coloratissimi, seguiranno, per farvi felici ancora una volta con le nostre montature!

 

75 anni di arte e professione

18 Ottobre 2021.

Da oggi sono 75 gli anni dedicati dalla nostra famiglia a questo indispensabile mestiere artigianale che nel frattempo è diventato una professione o come usano dire oggi, per noi una “Mission”!

Un particolare ringraziamento a tutti i nostri fedelissimi clienti che ci hanno permesso di raggiungere questo obbiettivo.

 

VeniceDesignWeek

 

 

VeniceDesignWeek

La dodicesima edizione dal 9 al 17 Ottobre 2021 presenta installazioni site specific, mostre in gallerie private, hotel e musei, workshop, percorsi di realtà aumentata, convegni in presenza e online alla scoperta del design inteso come processo complesso che parte da esigenze pratiche per arrivare al progetto. Il tema proposto per l’edizione del 2021 “DESIGN PER TUTTI” è interpretato attraverso il vedere, sentire, gustare, odorare con attenzione le applicazioni di nuove tecnologie.

La mappa presenta una selezione di attività artigianali, di concept store, in cui il limite tra arte ed artigianato è spesso sottile. L’antica tradizione artigianale combinata con l’arte fanno di Venezia un punto di riferimento, il salotto del design.

 

Il Giappone in punta di naso

IL GIAPPONE IN PUNTA DI NASO

La vetrina di questa Estate 2021 è dedicata al Giappone e a una mostra particolarissima.

In concomitanza con l’apertura dei “XXXII giochi olimpici di Tokio”, il 3 Luglio 2021 è stata inaugurata presso il museo dell’Occhiale in Pieve di Cadore (BL) una mostra dedicata all’evoluzione degli occhiali nel paese del Sol Levante. Un’esposizione di oltre 80 pezzi, prevalentemente della collezione Vascellari.

Una prima mondiale al di fuori del Giappone, con molti oggetti unici ed interessanti tanto da ottenere il patrocinio del consolato Giapponese in Italia.

In un breve percorso è possibile ripercorrere una storia di oltre 2000 anni, dalla prima rappresentazione di una maschera protettiva indossata dalla “Madre Terra”, una statuetta in terracotta di 32 cm del tardo periodo Jōmon (1000-400AC) sino all’arrivo dei primi occhiali nell’arcipelago giapponese tramite i missionari Gesuiti nel 1551. L’omaggio nel primo 1600 di un occhiale al fondatore della città di Tokio, Tokugawa Ieyasu con un particolarissimo dettaglio svelato da una nostra ricerca, passando per lo sviluppo legato alla morfologia dei volti orientali e andando a terminare prima del tragico evento della seconda Guerra Mondiale e lo sgancio della bomba H.

L’esposizione sarà visibile tutti i giorni sino al 30 Settembre 2021 con il seguente orario 9.30-12.30 / 15.30-18.30 e successivamente fino al 6 Gennaio 2022 con orari ancora da determinare presso il Museo dell’Occhiale a soli 30 metri dalla casa del Tiziano a Pieve di Cadore, ampio parcheggio gratuito.

Aggiornamento del 10 Gennaio:  Vista l’ottima visibilità ottenuta dall’evento, la mostra è stata prorogata sino alla mattina di Lunedì di Pasquetta, 18 Aprile 2022.

Per informazioni:

tel. 0435.500213

info@museodellocchiale.it

@Anatema

@MariaTeresa Laghi