Festa delle Marie

FESTA DELLE MARIE

 

E’ questa una delle feste più antiche che la Repubblica annoverava nell’ambito delle manifestazioni pubbliche nelle quali il popolo recitava un ruolo importante, da protagonista. Dopo secoli di abbandono è stata ripresa e rilanciata in occasione del Carnevale.

Fin dall’inizio del IX secolo ogni anno, il 2 febbraio, giorno della purificazione di Maria, dodici fanciulle del popolo scelte a rappresentare tutta la città, assieme ai loro promessi sposi si radunavano nella chiesa di S.Pietro di Castello, sede del Vescovado di Olivolo, per ricevere collettivamente la benedizione nuziale.

Per quel giorno lo stato prestava alle spose dei gioielli e le famiglie patrizie partecipavano addirittura con donazioni alla costituzione della loro dote, che ciascuna ragazza portava nella chiesa in cassette di legno decorate, appositamente costruite e chiamate “arcelle” o “capselle”.

La cerimonia sembrava essere stata istituita per incrementare i matrimoni in una città ancora poco abitata e per dare aiuti a chi si trovava in condizioni economiche disagiate. Veniva anche distribuito cibo al popolo mentre altre iniziative servivano a mantenere vivo e riconoscente il rapporto della popolazione meno ambiente verso le ricche famiglie delle nobiltà. E’ ovvio il significato simbolico che la festa andò via via assumendo nel tempo.

Il Doge con tutto il seguito del governo e della nobiltà assisteva alle nozze nella chiesa tutta addobbata e illuminata da centinaia di candele, quindi accompagnava le spose a San Marco, consegnava loro i ceri benedetti e le invitava ad un banchetto in Palazzo Ducale. E’ evidente che sono le ragazze ad assumere il ruolo predominante durante questa festa, spose, future madri di veneziani forti e coraggiosi, mentre i mariti rimangono figure sbiadite ed evanescenti, confuse sullo sfondo della partecipazione popolare.

Nell’anno 844, sotto il dogale di Pietro Tradonico o, come alcuni cronisti tramandano, nel 946 sotto quello di Pietro III Candiano, mentre a San Pietro si stava svolgendo la cerimonia del matriminio, un gruppo di pirati dalmati irruppe in chiesa e tra lo sbigottimento generale rapì le fanciulle impossessandosi anche delle loro arcelle preziose.

Il Doge stesso organizzò immediatamente l’inseguimento dei pirati ponendosi a capo della spedizione. I Veneziani con le loro barche raggiunsero i rapitori nei pressi di Caorle e li uccisero liberando le fanciulle e recuperando la loro dote. Da allora la zona dove avvenne lo scontro fu chiamata “ porto delle donzelle”. Al loro rientro a Venezia il Doge e i liberatori vennero accolti con grande entusiasmo. Egli chiese ai casseleri, intagliatori del legno e costruttori delle casselle che avevano avuto gran parte nell’impresa di Caorle, quale ricompensa volessero; risposero che era loro desiderio che il Doge visitasse ogni anno la loro parrocchia e la chiesa di Santa Maria Formosa, nello stesso giorno del rapimento a ricordo perenne dell’avvenimento.

La richiesta fu prontamente accolta e fu mantenuta per secoli. La visita a Santa Maria Formosa fu inserita stabilmente nel calendario delle visite pubbliche del Doge. Il parroco gli offriva un cappello di paglia intessuto a fili d’oro, del vino, e della frutta perpetuando un’usanza che gli stessi casseleri avevano istituito fin dal  primo momento della loro richiesta: se avesse piovuto essi avrebbero provveduto a riparare il Doge con un grande cappello di paglia e se durante il percorso avesse avuto sete avrebbero offerto del vino a suo ristoro.

I festeggiamenti duravano una settimana e culminavano con una regata alla quale partecipavano i più forti e avvenenti giovani della città.

Con il passare degli anni le iniziali motivazioni si affievolirono, anche la visita a San Pietro e la cerimonia dello sposalizio furono soppiantate completamente (a partire dal 1379) dal ricordo dei fatti successivi, cioè del rapimento e della sconfitta dei pirati a Caorle legati solo alla chiesa di Santa Maria Formosa e ai casseleri che avevano in quella chiesa la sede della loro Scuola di mestiere e l’altare di devozione.

A partire dal 1343 anche le dodici bellissime fanciulle in “carne e ossa” rimasero soltanto dodici sagome in legno dipinto, “ le Marie de tola”, che spesso il popolo contestava con il lancio di pietre e immondizie. Il termine “de tola” passò anche a indicare spregiativamente donne piatte, senza ombra  di seno.

FESTA DELLE MARIE (moderna)

Un corteo di belle ragazze veneziane rievoca in chiave moderna il rapimento e la liberazione di dodici promesse spose ai tempi del doge Pietro Candiano III (1039). All’inizio del IX secolo il 2 febbraio di ogni anno, giorno della purificazione di Maria, le dodici più belle fanciulle del popolo scelte a rappresentare la città Si radunavano insieme ai loro promessi sposi nella chiesa di S. Pietro di Castello, per ricevere la benedizione nuziale.

Bruno Tosi noto regista e operatore culturale ha rilanciato a Venezia, dopo secoli di abbandono questa meravigliosa tradizione e ora il carnevale di Venezia apre ogni anno con il corte storico della “Festa delle Marie”. Nella riproposizione moderna sono 12 ragazze dai 18 ai 28 anni  scelte da una giuria di 12 persone una settimana prima dell’inizio del carnevale.  Le 12 ragazze prescelte  sfileranno su delle portantine da San Pietro di Castello a piazza San Marco in compagnia di oltre trecento figuranti e vengono accolte, da una folla festante, sul palcoscenico allestito sul più bel “ salotto del mondo”. Il penultimo giorno di carnevale in un Gran Gala a Ca’ Vendramin Calergi verrà scelta tra le 12 la ragazza  più bella e il giorno dopo in Piazza San Marco verrà proclamata la MARIA DELL’ANNO.

La vincitrice della Festa delle Marie, l’anno successivo  sarà protagonista del “Volo dell’angelo”, tradizionale reminescenza dell’omaggio portato al Doge. In questo emozionante volo, dalla cima del campanile di San Marco sino al centro della piazza,  indosserà un magnifico costume a tema con il Carnevale.

marie-da-vascellari

Le 12 Marie sono venute a trovare anche noi, durante le loro passeggiate per le calli della città. Un onore e un vanto per un negozio “storico” come il nostro.

Inverno 2015

vetrina-inverno2

 

 

vetrina-inverno

 

 

medaglietta

scarpone

Natale 2014

natale-2014

 

 

Lo staff di Ottica Vascellari augura a tutti Buon Natale e Felice Anno Nuovo!

Una scrittrice del ‘900

vetrina

Una Scrittrice del Novecento

Vaghe Stelle dell’Orsa” è la mostra che Asolo (TV) dedica a Freya Stark dal 27 Settembre al 23  Novembre 2014.

Un collage di ricordi e produzioni racconta l’intenso vissuto di un’artista dedita non solo alla scrittura, all’archeologia e alla cartografia, ma anche al continuo incontro di nuove storie e culture, reso possibile da innumerevoli esperienze di viaggio condotte, nel corso della sua vita centenaria, tra Ottocento e Novecento.

L’allestimento di questa esposizione ha ispirato la composizione della nostra vetrina che focalizza l’attenzione sugli occhiali da lettura, strumento indispensabile per l’accesso alla consultazione di tesori, come antichi scritti, testimoni imperituri di grandi personalità.

Per la composizione della vetrina abbiamo usato un’antica lampada/orologio a petrolio, uno scrittoio da tavolo in legno con contenitore ed un testo tedesco del 1753 con incorporato nella copertina di fondo un occhiale da lettura ad arco in rame di Norimberga.

copertina-vetrinascrittrice

Creatività Italiana

Ecco un esempio di creatività italiana.

 

La nostra amica e cliente Giovanna Zen ha realizzato questa simpatica borsa in legno, con interno intercambiabile per essere abbinata a qualsiasi tipo di colore, in ogni occasione.

La Borsa è abbinata, nella vetrina di questo mese, alle nostre montature effetto legno, per ricordare un ritorno alla natura.

 

DSCF1142w

Occhiali da doge

Occhiali da doge Copertina

 

Occhiali da Doge,“Spectacles Fit for a Doge

Gli occhiali da sole nella Venezia del settecento

     Nero princeps gladiatorum pugnas spectabat in smaragdo”.

Nerone fu tra i primi ad utilizzare una pietra colorata per proteggere gli occhi dalla luce solare durante i combattimenti nell’arena. Il colore verde dello smeraldo sarà sfruttato soprattutto dagli ottici veneziani, che in anticipo di quasi 120 anni sulla scoperta della dannosità dei raggi Ultravioletti (UV), avevano già prodotto degli occhiali da sole originalissimi, che ne garantivano la protezione totale.

Nel settecento veneziano, dame e cavalieri, capitani da Mar e nobili, li usavano per proteggersi dal riverbero della luce riflessa durante la navigazione in laguna od in mare aperto.

Per la prima volta al mondo, sono qui esposti la maggior parte degli occhiali conservati da Musei e collezionisti privati, per ripercorrere in parte la storia dell’evoluzione dell’occhiale e delle lenti protettive per il sole.

Dagli occhiali ad arco privi di stanghette, alle prime aste per stabilizzare l’occhiale sul naso, passando per i Vetri da Gondola o da Dama usati dalle nobildonne, la mostra vi porterà sino ai vetri illusori colorati, utilizzati come giochi ottici ma definiti “Vetri da Avidi”.

Il Museo dell’Occhiale di Pieve di Cadore (BL), il Museo Correr, la Biblioteca Nazionale Marciana, in collaborazione con la Stazione Sperimentale del Vetro di Murano, sono i testimoni scientifici di questo evento che non vuole essere solamente un’esposizione di oggetti rarissimi ed affascinanti, ma un monito per la protezione e la salvaguardia della salute dei nostri occhi.

Biblioteca Nazionale Marciana, Piazza San Marco Venezia, dal 14 Giugno/13 Luglio 2014

Roberto Vascellari

Gente come noi…

copertina grande per  tutti

Una raccolta di foto di modelli Vascellari  indossati da alcuni nostri clienti

monica7

DONNA

Massimo6

UOMO

unisex-jpg

UNISEX

Dani4

SOLE

L’Ottico di Rialto

L’insegna storica dell’Ottico di Rialto ha raggiunto il cinquantesimo anno!

Cinquanta anni di presenza in Rughetta del Ravano, conosciuta da tutti i veneziani come Ruga Rialto. E’ il 29 Marzo 1964 quando Urbano apre questo secondo punto vendita che diverrà in un paio di anni il negozio principale.

Logo cinquantesimo mo

 

L’insegna “Ottica moderna” si trasformerà in “L’Ottico di Rialto” e da allora è sempre stato un punto di riferimento anche per un semplice appuntamento tra amici. Un ringraziamento particolare alla stimata clientela che ci ha permesso di raggiungere questo onorevole traguardo.

Buon Anniversario!!! 

Anatomia di un occhiale italiano

0003Una breve presentazione di come produciamo le nostre montature. Ogni singolo passaggio è realizzato artigianalmente.

Guarda il filmato

Vetrina Carnevale 2014

La vetrina del Carnevale 2014 è dedicata all’antica arte dei Pasticceri veneziani.  Pasticceri che nell’antichità erano chiamati “Scaleteri” dal nome di un antico dolce, la “Scaleta”, molto simile al pane azimo. Oggi, la pasticceria si è evoluta grazie anche alle contaminazioni europee, ma i dolci tipici del periodo carnescialesco restano i “Galani” e le “Fritole veneziane”. Gli oggetti esposti per la composizione della vetrina vengono dalla collezione della Pasticceria Rizzardini, tra le più antiche in città.  Partendo dal basso, nella zona centrale,  la tipica pignatta in rame per “bogier le fritole ed i galani”. Appoggiato in fronte alla pentola, un antico documento della Serenissima datato 7 Marzo 1792, per il pagamento da parte di Rizzardini di un dazio per strumenti, oltre ad una riproduzione di una stampa tratta dagli antichi mestieri che andavan per via, raffigurante un venditore di frittelle nell’atto della friggitura.  Ai lati, la Mariegola (insegna) degli antichi pasticceri e la foto dello stendardo del 1797 conservato nella chiesa di San Fantin, protettore dei pasticceri.  Al piano superiore alcuni documenti sulla storia dei pasticceri veneziani, un magnifico piatto in ottone sbalzato, piatto usato per posare le frittelle,   raffigurante il Leone di San Marco, oltre ad un’antica scatola in legno per dolci. Le frittelle come i galani sono dolci che oggi è possibile trovare diffusi lungo lo stivale, e ogni zona usa dei nomi differenti per identificarli. La frittella veneziana è invece esclusiva locale, poichè prodotta con la pasta usata per il panettone, farcita di pinoli, arance candite ed uvetta, il tutto fritto.

IMG_9528

bn-con-insegna